ECM

Educazione continua in medicina.

è il programma nazionale di attività formativa attivo in Italia, il sistema prevede il mantenimento di un elevato livello di conoscenze relative alla teoria, pratica e comunicazione in campo sanitario.
•    Ogni operatore sanitario provvederà alla sua formazione in ambito ECM in completa autonomia.
•    La partecipazione al programma ECM è un dovere previsto anche dal Codice deontologico.
•    Obbligo confermato dalla sentenza del TAR n. 14062/2004 del 18 novembre 2004

Il 01/07/2007 nel Patto Stato-Regioni, che ha previsto il riordino del Sistema di “Educazione Continua in Medicina” , si evince che il professionista sanitario è obbligato a maturare nell’arco di un triennio 150 crediti formativi.

A decorrere dal 2002, è iniziata la fase a regime del Programma nazionale ECM che deve ritenersi obbligatorio per tutti i professionisti sanitari dipendenti, convenzionati o liberi professionisti.

 Il DL 138/2011 del 13 agosto 2011 convertito in Legge n.148 del 14 settembre 2011 prevede all’art. 3, comma 5, lett. b) : “Previsione dell’obbligo per il professionista di seguire percorsi di formazione continua permanente predisposti sulla base di appositi regolamenti emanati dai consigli nazionali, fermo restando quanto previsto dalla normativa vigente in materia di educazione continua in medicina (ECM). La violazione dell’obbligo di formazione continua determina un illecito disciplinare e come tale è sanzionato sulla base di quanto stabilito dall’ordinamento professionale che dovrà integrare tale previsione”.

Come maturare i crediti ECM?

•    La  Formazione residenziale deve essere realizzata in una sede adeguatamente predisposta ed idonea per spazi e strumenti
•    La Formazione a distanza (FAD) include diverse modalità con cui è possibile comunicare con interlocutori localizzati in sedi diverse e che possono partecipare in tempi diversi da quelli in cui opera il docente/formatore.
•    La Formazione sul campo (FSC) in cui vengono utilizzati direttamente per l’apprendimento i contesti, le occasioni di lavoro e le competenze degli operatori impegnati nelle attività assistenziali.

Chi è esonerato?

Circolare del Ministro della Salute del 5/03/02 N. DIRP 3°/AG/448, comma 15.
E’esonerato dall'obbligo dell'ECM - per tutto il periodo di formazione (anno di frequenza) - il personale sanitario che frequenta, in Italia o all'estero, corsi di formazione post-base propria della categoria di appartenenza:
•    corso di specializzazione, dottorato di ricerca, master, corso di perfezionamento scientifico e laurea specialistica.
•    corso di formazione specifica in medicina generale.
•    formazione complementare; es. corsi effettuati ai sensi dell’art. 66 “Idoneità all’esercizio dell’attività di emergenza” di cui al Dpr 28 luglio 2000, n. 270.
•    corsi di formazione e di aggiornamento professionale svolti ai sensi dell’art. 1, comma 1, lettera d) “Piano di interventi contro l’Aids” di cui alla Legge 5 giugno 1990, n. 135, pubblicata nella G.U. n. 132 dell’8 giugno 1990.
Sono esonerati, altresì, dall’obbligo ECM i soggetti che usufruiscono delle disposizioni in materia di tutela della gravidanza di cui alla legge 30 dicembre 1971, n. 1204, e successive modificazioni, nonché in materia di adempimento del servizio militare di cui alla Legge 24 dicembre 1986, n. 958, e successive modificazioni, per tutto il periodo (anno di riferimento) in cui usufruiscono o sono assoggettati alle predette disposizioni. Si precisa che occorre conservare la documentazione comprovante la facoltà della fruizione dell'esonero, data l'impossibilità di frequentare i corsi.
L'esonero dall'obbligo di acquisire i crediti è valido per tutto il periodo (anno di riferimento) in cui i soggetti interessati usufruiscono o sono assoggettati alle predette disposizioni.

Debito formativo per il triennio 2014-2016.

La Commissione nazionale per la formazione continua nella riunione del 18 settembre 2013 ha individuato in 150 crediti il debito formativo per tutte le professioni anche per il triennio 2014-2016. Si rende noto che tale debito formativo può variare in funzione del calcolo del debito formativo individuale triennale così come calcolato in base alla Determina della CNFC del 17 Luglio 2013.

Banca Dati Co.Ge.A.P.S

A partire da quest'anno (2014) si sollecitano tutti gli iscritti al Collegio IPASVI  a registrarsi sulla piattaforma COGEAPS (Consorzio Gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie.
A seguito di tale registrazione ogni singolo professionista potrà  consultare la propria situazione presso l'Anagrafe Crediti ECM rilevando personalmente il raggiungimento o meno del fabbisogno formativo triennale utile al conseguimento della certificazione ECM.
Inoltre, a seguito del controllo della propria posizione, ogni singolo  professionista, tramite la mail , potrà comunicare direttamente al Consorzio correzioni rispetto a crediti non inseriti nella piattaforma oppure comunicazioni relative all'inserimento degli esoneri e delle esenzioni decritti nella determina della CNFC del 17/07/2013 in materia di 'Esoneri, Esenzioni, Tutoraggio Individuale, Formazione all’estero, Autoapprendimento, Modalità di registrazione e Certificazione' e necessari perchè il sistema dell'Anagrafe Crediti ECM possa calcolare il reale fabbisogno formativo dei rispettivi trienni.

Contestualmente all’apertura della banca dati del Co.Ge.A.P.S. ai singoli professionisti sanitari, è stato attivato un Call Centre per rispondere ai quesiti e dare supporto ai professionisti sanitari, sia per la compilazione del Dossier Formativo per il triennio 2014-2016, sia per fornire soluzioni ad eventuali quesiti sul funzionamento della banca dati del Consorzio o sul sistema ECM e sulla corrispondente normativa. Il numero da comporre è 06/42749600 – opzione 4; la linea è attiva dal lunedì al venerdì, dalle ore 9.00 alle ore 16.00. È stato altresì attivato un indirizzo e-mail dedicato, , per offrire un supporto ulteriore. Le informazioni relative al Call Centre ed alle sue funzionalità sono reperibili anche sul sito istituzionale del Co.Ge.A.P.S. (http://www.cogeaps.it), a cui potrete eventualmente fare riferimento.

  • Banner01
  • Banner02
  • Banner03
  • Banner04
  • Banner05
  • Banner06
  • Banner07

SEDE

Viale Bolognesi 19, 47121 Forlì

Tel/Fax: 0543 405460 / 0543 414970

Mercoledì - Venerdì: 10:00-12:00 / 15:30-17:30

PEC: forli.cesena@ipasvi.legalmail.it